Sanità

Sanità

Nei servizi di cura e
di assistenza e negli ospedali si rileva un divario tra sviluppo
di strumentazioni tecnologiche e...

Enti pubblici

Enti pubblici

Nella Pubblica Amministrazione e negli Enti Locali sono in corso consistenti mutamenti...

Privato sociale

Privato sociale

Nelle organizzazioni
del terzo settore e
nelle associazioni di volontariato i rapporti tra valori e attività...

Aziende

Aziende

Lo Studio APS propone per le imprese diverse tipologie di attività, che includono la formazione...

Proposte

Restiamo in contatto

 Iscriviti alla nostra Newsletter

Vi segnaliamo

"Incomprensibilità dei contesti, irrazionalità e perversioni organizzative"


17.18 ottobre 2007 

Milano, Corso Magenta n. 61, Palazzo delle Stelline

 

Ogni anno le questioni che vengono affrontate nelle Giornate di Studio sono individuate a partire da dati ricorrenti, da criticità e "emergenze" che incontriamo nel nostro lavoro quotidiano di formazione e consulenza in molteplici e differenti organizzazioni.

Nel pensare alle Giornate di Studio del prossimo ottobre abbiamo così preso spunto, ascoltato, dato retta alle nostre esperienze e agli interrogativi che hanno suscitato in noi, come professionisti e come cittadini che cercano di vivere nel loro tempo.

I tre sostantivi richiamati nel titolo - incomprensibilità, irrazionalità, perversione - probabilmente esprimono anche in modo evocativo il disorientamento, lo sgomento e la reazione affannosa con cui ci troviamo ad incontrare tante, forse troppe situazioni.

Mettendo un po’ da parte facili deplorazioni, tentazioni di appiattimento conformistico entro analisi generali, compiacimenti allarmistici o anche accanite ricerche di positività, vorremo ancora una volta provare a capire.

  • Incomprensibilità dei contesti: analisi che da più parti vengono proposte e ribadite, segnalano come si vada moltiplicando nella nostra società occidentale e globale una inevitabile frammentazione non solo di ambiti operativi, di risorse e carenze, di problemi da affrontare e gestire ma anche di modi di vedere e giudicare, di valutare e intervenire, di quadri di riferimento e valori.

    Ci si trova a disporre di una grande ricchezza di saperi e orientamenti, di esperienze e conoscenze: è anche tuttavia difficile distinguere e scegliere tra visioni e azioni che si contraddicono e si contrappongono, a volte elidendosi e altre volte introducendo ulteriori complessità e confusioni. Anche, e proprio perché si assume come dato positivo e ineliminabile la compresenza di una pluralità di razionalità differenti, diversamente collocate e sostenute, diversamente configurate e dichiarate, si è chiamati a letture articolate, provvisorie e parziali, che comunque non rassicurano, né orientano solidamente.

    I contesti in cui ci muoviamo restano pertanto oscuri, oggetti "recalcitranti" (cfr. Latour) rispetto alle nostre ansie di spiegarli e padroneggiarli, molto più fonti di minacce incombenti, che di opportunità promettenti e piacevoli.

  • Irrazionalità organizzative: all’interno delle organizzazioni ci si trova a fare i conti con rappresentazioni, elaborazioni conoscitive, definizioni di obiettivi e scelte operative, iniziative e strategie che non solo non appaiono congruenti con impostazioni razionali, ma sembrerebbero anche in contrasto con ragionevolezze immaginabili. Sembra crescere l’area dell’insensatezza perché probabilmente ci ritiriamo entro schemi troppo semplificati: arretriamo di fronte a nuovi e ulteriori investimenti conoscitivi perché non riusciamo a staccarci dai percorsi più collaudati o perché è troppo angosciante e rischioso misurarsi con sguardi che si affacciano sugli abissi (cfr. Castoriadis).

    Siamo paralizzati dalle nostre diffidenze e dalle paure di ritorni disconfermanti sulle nostre capacità e competenze.

  • Perversioni delle e nelle organizzazioni: meno si riesce a capire, meno si investe nella ricerca di capire, meno si osa avventurarsi e più ci si rinchiude nelle proprie convinzioni e nelle più ripetitive strategie d’azione entro circoli viziosi che si avvitano e erigono barriere. Gli oggetti, gli altri, i contenuti del lavoro non possono essere investiti affettivamente e predomina una autocentratura che porta a rendere se stessi strumenti di soddisfazione di istanze generali, sovrane perché impersonali, dominanti perché incontrastate, diffuse perché sottilmente infiltrate nel quieto vivere a cui ciascuno aspira (cfr. Enriquez).

L’approfondimento delle questioni relative all’incomprensibilità dei contesti, irrazionalità e perversioni organizzative avverrà attraverso:

  • la presentazioni di alcuni contributi teorici che da diverse prospettive di analisi ci consentiranno di esplorare con sguardi inusuali i fenomeni sociali e organizzativi osservati nei propri contesti di lavoro;
  • il confronto-dibattito a partire anche dall’analisi di alcune "vicende" organizzative ci offriranno l’opportunità di capire come i diversi soggetti si posizionano di fronte alla difficoltà di costruire un senso alle proprie esperienze;
  • la costruzione di alcune ipotesi/orientamenti per poter ancora mobilitare interessi e investimenti affettivi nella costruzione di un oggetto di lavoro condiviso e la costruzione di un legame possibile con l’organizzazione.

Le giornate saranno articolate in tre momenti:

  1. la mattina del primo giorno sarà dedicata alla presentazione del tema problema e alla proposta di alcune ampie ipotesi interpretative; si prevedono tre contributi: il primo finalizzato a introdurre una lettura descrittiva dei fenomeni che ci toccano e ci colpiscono; il secondo, in un’ottica storico-sociologica punterà l’attenzione sulle diverse razionalità dei processi organizzativi; il terzo cercherà di esplorare le perversioni messe in atto dalle e nelle organizzazioni;
     
  2. il pomeriggio è previsto un lavoro in tre sottogruppi costituiti da partecipanti che si riuniranno intono alla esposizione di alcune situazioni organizzative, ritenute emblematiche: per ogni situazione saranno messi in rilievo interrogativi e approcci con cui si sono affrontate le incomprensibilità dei contesti entro cui le organizzazioni operano, saranno analizzate irrazionalità e perversioni che si sono manifestate e che sono state sperimentate dai singoli; anche attraverso un coinvolgimento degli attori organizzativi saranno in particolare confrontate e discusse le modalità con cui tutto questo è stato trattato;
     
  3. nella mattina del secondo giorno è prevista una tavola rotonda in cui alcuni direttori, coordinatori e responsabili, collocati in diverse organizzazioni, si confrontano sulle difficoltà che incontrano nell’affrontare incomprensibilità, irrazionalità, perversioni, sulle letture che tendono a darne e sulle iniziative che prendono o non prendono per trattarle, ignorarle e negarle, sopportarle e farle sopportare.

 

PROGRAMMA


17 ottobre 2007 
ore 9.30 - 11.15 

Presentazione e accompagnamento dei lavori a cura di F. d’Angella.

 

M. Brunod: "Incomprensibilità, irrazionalità e perversioni organizzative: questioni che si aprono e sfide che incombono".

 

G. Sapelli: "Dolore e felicità nelle organizzazioni".

ore 11.45 - 13.00

E. Enriquez: "Le perversioni nelle organizzazioni e la loro seducente prepotenza".

ore 14.30 - 17.00 

Approfondimenti in tre gruppi a partire dalle esperienze organizzative presentate da alcuni testimoni:

- Gruppo di approfondimento sulle incomprensibilità
  organizzative.

  Testimonianze a cura di: R. Cambrosio, D.
  Costantino.

  Conduzione a cura di M. Brunod

- Gruppo di approfondimento sulle irrazionalità
  organizzative.
  Testimonianze a cura di: M. Panzeri, M. Testolina.
  Conduzione a cura di F. d’Angella.

- Gruppo di approfondimento sulle perversioni
  organizzative.

  Testimonianze a cura di: C. Girardengo, P. Bertagni,
  F. Perazza.

  Conduzione a cura di F. Olivetti Manoukian.


18 ottobre 2007 
ore 9.30 - 13.00 

Tavola rotonda: "Interrogativi, pensieri e azioni tra irrazionalità e perversioni organizzative".
Partecipano: E. Bignamini, C. Gariboldi, A. Manoukian, M. Sergio.
Conduzione a cura di F. d’Angella.

ore 17.00  Conclusioni a cura di E. Enriquez.

 

Paolo Bertagni Direttore del Dipartimento di Salute Mentale - Gorizia e Monfalcone
Emanuele Bignamini Direttore Unità Operativa Patologie da Dipendenza - ASL 3 di Torino
Rossano Cambrosio Direttore della Fondazione "La Fonte" - Lugano
Domenico Costantino Direttore del Consultorio Familiare dell’Istituto Toniolo - Napoli 
Eugène Enriquez Professore Emerito Università di Parigi - CIRFIP
Chiarella Gariboldi Presidente della Fondazione Stefania - Lissone (MI)
Costantino Girardengo Direttore del Dipartimento delle Dipendenze - Alessandria
Agopik Manoukian Presidente della Lechler S.p.A. - Como
Marina Panzeri  Direttore Settore Politiche Sociali e Sostegno alla Famiglia - Comune di Lecco
Franco Perazza Responsabile del Centro di Salute Mentale - Gorizia
Giulio Sapelli  Professore Ordinario Università di Milano - Fondazione Enrico Mattei
Maria Sergio Direttore Settore Urbanistica - Comune di Reggio Emilia
Michele Testolina Responsabile dell’Osservatorio delle Politiche Sociali - Comune di Venezia

 

 

Elenco Giornate di Studio


Elfo Puccini teatro d'arte contemporanea

Giornate di Studio 2018


2018 - Tempi di passaggi e passaggi organizzativi:
successioni, generazioni, transiti...

Giornate di Studio 2017

2017 - Governare le organizzazioni e noi stessi
in scenari incerti e turbolenti

Giornata di Studio 2015

2015 - Riorganizzare: tra apparenze e realtà

Giornata di Studio 20132013 - Generare evoluzioni e opportunità in situazioni di crisi

Giornata di Studio 2012

2012 - …Lavoro che c’è,
lavoro che non c’è…

Giornata di Studio 20112011 - Paure, fatiche, sofferenze e illusioni: ipotesi d'intervento nelle situazioni di
lavoro

Giornata di Studio 20102010 - Sofferenze e illusioni nelle organizzazioni: decostruire per ricostruire

Giornata di Studio 20092009 - Politiche della formazione: opzioni, iniziative, esiti

Giornata di Studio 20082008 - Senso e valore politico dell'agire nelle organizzazioni

Giornata di Studio 20072007 - Incomprensibilità dei contesti, irrazionalità e perversioni organizzative

Giornata di Studio 2006

2006 - Immaginare un futuro per le nostre organizzazioni: desideri, riconoscimenti, riappropriazioni

Giornata di Studio 20052005 - Intervenire nelle organizzazioni lavorative: l’approccio psicosociologico nella consulenza e nella gestione organizzativa

Giornata di Studio 20042004 - Costruire organizzazioni sostenibili in contesti turbolenti

Giornata di Studio 2003

2003 - La formazione nella società del lavoro flessibile

Giornata di Studio 20022002 - Flessibilità lavorative: opportunità e rischi nella ricerca d’identità (2)

Giornata di Studio 20012001 - Flessibilità lavorative: opportunità e rischi nella ricerca d’identità (1)

Giornata di Studio 20002000 - Affetti e tecnologie nel futuro delle organizzazioni

Giornata di Studio 19991999 - Produzione di valore nei servizi: la considerazione delle variabili economiche nei processi di riorganizzazione

Giornata di Studio 19981998 - Enti pubblici e privato sociale: collaborazioni, competizioni ed esternalizzazioni

Giornata di Studio 19971997 - Responsabilità gestionale e assunzione di un potere costruttivo

Giornata di Studio 19921992 - Intervento e cambiamento nelle organizzazioni

Giornata di Studio 19911991 - Governo e conoscenza:
il management delle organizzazioni tra casualità, comprensione e manipolazione

Giornata di Studio 19901990 - Ideologie e miti nelle organizzazioni aziendali