Sanità

Sanità

Nei servizi di cura e
di assistenza e negli ospedali si rileva un divario tra sviluppo
di strumentazioni tecnologiche e...

Enti pubblici

Enti pubblici

Nella Pubblica Amministrazione e negli Enti Locali sono in corso consistenti mutamenti...

Privato sociale

Privato sociale

Nelle organizzazioni
del terzo settore e
nelle associazioni di volontariato i rapporti tra valori e attività...

Aziende

Aziende

Lo Studio APS propone per le imprese diverse tipologie di attività, che includono la formazione...

Proposte

Percorso formativo 

"LA COSTRUZIONE DIFFUSA DELLA GOVERNANCE
NELLE ORGANIZZAZIONI"
New


La costruzione diffusa della governance

Le organizzazioni lavorative ormai da molti anni sono attraversate da forti turbolenze, cambiamenti, instabilità e frammentazioni; la pandemia ha ulteriormente contribuito ad alimentarle, riaprendo interrogativi profondi sul senso e sul significato dell’esperienza lavorativa e professionale.

In questi ultimi anni, il contatto con alcune dimensioni profonde dell’esistenza ha prodotto una rottura delle routine presenti nella vita personale, familiare e lavorativa. Nelle persone si sono manifestate sia le fatiche di tenere insieme le diverse aspettative e desideri e sia la curiosità e l’interesse per le nuove modalità di intendere il lavoro, la socialità e la comunicazione. Infatti, se da un lato il diffondersi di alcune modalità produttive, come il lavoro da remoto, ha incrementato la frammentazione dei legami, dall’altro, si sono potute sperimentare condizioni di lavoro e di relazione nuove e interessanti che hanno fatto emergere nuove potenzialità operative.

A fronte di questi cambiamenti, dolorosi in alcuni casi, ma anche portatori di riformulazioni dei processi produttivi impensati e originali, constatiamo, come Studio APS, l’importanza di proporre un percorso formativo rivolto a responsabili e consulenti per approfondire: i processi conoscitivi necessari per leggere, influenzare e gestire i cambiamenti organizzativi; i luoghi da allestire per confrontarsi e prendere decisioni; i processi da attivare per riconoscere e valorizzare i contribuiti costruttivi di ciascuno; le azioni da mettere in campo per attivare una corresponsabilità sugli esiti produttivi; le modalità di agire un governo diffuso dei processi lavorativi.


La proposta formativa

Il percorso formativo che qui proponiamo è frutto delle esperienze acquisite negli interventi che, come Studio APS, abbiamo realizzato in molteplici organizzazioni pubbliche e private: interventi di formazione, consulenza e ricerca sui processi di cambiamento organizzativo.

Questo significativo bagaglio ha sostenuto la progressiva messa a punto di questa iniziativa formativa. L’attività formativa è rivolta specificamente a responsabili organizzativi e a consulenti interessati a esplorare, consolidare e sviluppare le capacità di coniugare l'agire nelle organizzazioni lavorative con lo sviluppo di conoscenze dei processi produttivi che le caratterizzano.

L’intento è quello di facilitare la ricerca di conoscenze non astratte ma fondate sulla lettura dei contesti socio-organizzativi, sul dialogo intersoggettivo e sull’analisi delle esperienze professionali.


Obiettivi

Durante il percorso formativo si cercherà di sviluppare delle specifiche competenze per:

  • ascoltare, leggere e comprendere la complessità dei processi organizzativi in specifico connessa ai cambiamenti organizzativi;
  • individuare dei problemi pertinenti e trattabili nei contesti lavorativi a sostegno della gestione e dei processi decisionali;
  • scorgere le risorse e potenzialità presenti nei contesti lavorativi;
  • rinforzare la capacità di agire costruttivamente i ruoli di responsabilità e di consulenza.

Lo sviluppo di queste competenze potrà consentire di mettere a punto dei processi di consulenza o di gestione e di governo diffuso delle organizzazioni più adattabili alla complessità e all’incertezza dei contesti lavorativi.

Nel percorso formativo verrà particolarmente sostenuta la sperimentazione di modalità comunicative e di interazione e di strumenti utili per mettere in campo azioni non centrate sulla costruzione di dipendenze passive e di adesione acritica ai compiti assegnati, ma orientati ad alimentare capacità di pensiero generativo, autonomie decisionali e riflessività sugli esiti delle azioni.


Metodologia

La metodologia proposta dallo Studio APS è imperniata su tre elementi:

  • la valorizzazione e la rielaborazione dell'esperienza dei partecipanti;
  • la condivisione, l’ampliamento e l’approfondimento dei quadri teorici di riferimento nella lettura dei fenomeni organizzativi;
  • la sperimentazione e la verifica sul campo delle tematiche trattate nel percorso formativo.

Nel percorso saranno utilizzati strumenti formativi diversi, che facilitino il raggiungimento degli obiettivi previsti: lezioni d’aula, gruppi di ricerca, esercitazioni, seminari di approfondimento e osservazioni sul campo, anche in co-conduzione con i partecipanti.

Oltre ai momenti in plenaria è prevista un’articolazione di lavoro in gruppi in base agli obiettivi e agli oggetti individuati (progetti, studi di casi, relazioni dopo letture di testi), in modo da facilitare lo scambio tra persone impegnate come dirigenti o consulenti in contesti lavorativi sufficientemente omogenei.


Articolazione

Il percorso formativo si svilupperà nell’arco di un anno e mezzo. Si prevedono dieci fasi di due giorni ciascuno.

La prima fase sarà dedicata alla presentazione dettagliata del programma, a una prima condivisione di ipotesi e alla conoscenza dei e tra i partecipanti. In ciascuna fase vi saranno sia degli approfondimenti tematici e sia i laboratori di ricerca-azione. Questi ultimi sono pensati per accompagnare le sperimentazioni in alcuni contesti organizzativi scelti con i partecipanti.

All’interno del percorso si prevedono inoltre tre seminari (con contributi anche di esperti esterni) su specifiche questioni individuate durante il percorso formativo.

L’ultima fase sarà dedicata alla valutazione dei processi e del percorso formativo.

Ai partecipanti verrà offerta l'opportunità di riflettere sull'interpretazione del proprio ruolo come dirigenti o consulenti, sul proprio approccio alle tematiche della progettazione e gestione organizzativa e sul proprio percorso formativo anche attraverso colloqui individuali con i membri dello staff.

Nell’ambito del percorso sono previsti quattro colloqui individuali per ogni partecipante.


I focus del percorso formativo

Il percorso formativo prevede otto unità di lavoro:

  • ESPLORARE LE CULTURE E I MODELLI DI GOVERNANCE
    Agire governance efficaci all’interno di un sistema produttivo di beni e servizi implica un’analisi e una condivisione accurata dei modelli e delle culture organizzative che vengono agite nella definizione degli obiettivi e delle responsabilità, nei processi individuati per raggiungerli, nelle attribuzioni dei diversi ruoli e nei metodi e strumenti di valutazione degli esiti.

  • CONOSCERE/LEGGERE I FUNZIONAMENTI ORGANIZZATIVI
    Produrre conoscenze relativamente al funzionamento organizzativo diventa un perno centrale della governance. La governance di un’organizzazione, così come l’esercizio di un ruolo, non è qualcosa di astratto, ma la si costruisce dentro i contesti lavorativi: non si può prescindere da dove si è collocati. L'ascolto organizzativo e l'elaborazione di dati qualitativi e quantitativi sostengono la produzione di conoscenza. Sviluppare una comprensione articolata e profonda dei fenomeni organizzativi è importante per generare strade inedite di trattamento dei problemi.

  • AGIRE AUTORITÀ IN DIALOGO
    Essere autorità riflessive implica comprendere come tenere in dialogo e ricomporre attese di riconoscimento delle persone diverse e contradditorie, contenere il rischio di polarizzazioni e posizioni contrastanti, evitare movimenti espulsivi e distruttivi. È cruciale mettere a fuoco come le autorità ascoltano, accolgono, elaborano, entrano in relazione con le molteplici attese e domande di senso delle persone. Come costruiscono dialoghi tra le attese e gli obiettivi organizzativi, tra il senso del lavoro per sé e il senso del lavoro per l’organizzazione non colludendo con i mandati onnipotenti e compiti impossibili.

  • COSTRUIRE LUOGHI PER TRATTARE I PROBLEMI ORGANIZZATIVI
    Individuare come poter affrontare problemi inerenti ai processi lavorativi costituisce un momento cruciale nella gestione e nel governo dell'organizzazione nell'attività di consulenza. È importante costruire luoghi/gruppi specifici di lavoro per avviare e attivare momenti di scambio generativo, connessione tra professionisti e parti dell'organizzazione, confronto sulle ipotesi, partecipazione attiva e condivisione degli obiettivi. Luoghi dove le persone possano essere supportate nel trattare efficacemente le difficoltà organizzative.

  • ATTIVARE E COSTRUIRE NETWORK PER LA SOSTENIBILITÀ E LO SVILUPPO ORGANIZZATIVO
    Attivare e costruire network fra soggetti e organizzazioni diverse presenti nei contesti produttivi è importante per rintracciare risorse e opportunità progettuali inespresse. Ma è anche strategico per creare e alimentare legami che permettano delle evoluzioni inusuali e inaspettate nell’affrontare i problemi produttivi. Occorre però riconoscere i diversi modelli di network e soprattutto gli strumenti per renderli produttivi.

  • RICONOSCERE E GESTIRE I CONFLITTI
    Riconoscere e gestire i conflitti nelle organizzazioni lavorative e nei gruppi di lavoro costituisce una competenza importante per coloro che hanno dei ruoli di responsabilità e per chi si trova come consulente a trattare differenze e divergenze all'interno dell'organizzazione. Le persone spesso vivono con difficoltà contrapposizioni e conflitti per questo tendono a rimuoverli e a negarli. Per affrontare i conflitti e per gestirli come elementi ineludibili dei processi di produzione è cruciale riconoscerli per tempo, coglierne i contenuti, i livelli relazionali, le implicazioni soggettive, individuare le possibili riformulazioni e le strategie negoziali.

  • ATTIVARE PROCESSI DI DELEGA
    Nelle organizzazioni possiamo intendere la delega come un processo attraverso il quale una autorità attribuisce ad un singolo o ad un gruppo compiti, funzioni, obiettivi. La delega è un trasferimento di poteri e responsabilità. È importante chiedersi se questo processo di delega avviene perché non si può far tutto o perché è un’occasione per sviluppare le capacità, favorire la motivazione o promuovere corresponsabilità dei singoli e dei gruppi. Nelle organizzazioni si osserva una elevata ambivalenza circa il delegare, ma anche nell’assumere le deleghe, per questo è importante capire come avviene, attraverso quali strumenti, con che feedback e valutazioni?

  • DARE VALORE AGLI ESITI ATTESI E NON ATTESI DEI PROCESSI DI GOVERNANCE
    Valutare come si è riusciti a sostenere la soluzione di un problema, la lettura e la comprensione della complessità delle relazioni e la ridefinizione dei compiti lavorativi costituisce momento importante per riformulare le ipotesi su come gestire e governare. La valutazione degli esiti dei processi di governo e gestione dei processi produttivi costituisce un momento importante nell’esercizio del ruolo di responsabilità e nel lavoro di consulenza.

Destinatari

Il percorso formativo è rivolto a direttori, responsabili, manager, presidenti, dirigenti e consulenti.

Al percorso potranno accedere un massimo di 22 partecipanti.


Staff

La gestione del percorso formativo, la conduzione dei gruppi di lavoro che saranno istituiti e la predisposizione dei contenuti teorici previsti nelle diverse sessioni di lavoro saranno a cura di uno staff composto dai seguenti professionisti dello Studio APS: Claudia Marabini, Francesco d’Angella, Rossella Bo e Diletta Cicoletti. Questi professionisti interverranno con ruoli e funzioni diverse nel percorso formativo.

In alcune sessioni del percorso sono previsti specifici apporti teorici ed esperienziali a cura di professionisti che a diverso titolo collaborano con lo Studio APS.

 


Presentazione
Presentazione:

"La costruzione diffusa della governance nelle organizzazioni" 
 

Percorso


Struttura percorso formativo

Dieci fasi di due giorni ciascuno
 

Calendario
Prossima edizione:

23.24 febbraio 2023
30.31 marzo 2023
4.5 maggio 2023
8.9 giugno 2023
6.7 luglio 2023
14.15 settembre 2023
19.20 ottobre 2023
30 novembre-1 dicembre 2023
18.19 gennaio 2024
22.23 febbraio 2024

 

Formazione in Studio


Calendario Formazione in Studio


SEMINARI

Analisi dei processi e
delle strutture organizzative

Edizione in corso:
28 ottobre 2022
17 novembre 2022
1 dicembre 2022

Prossima edizione: 
Primavera 2023

Condurre gruppi di lavoro

Prossima edizione: 
1.2 febbraio 2023
2 marzo 2023 (pom. - online)
3 marzo 2023 (matt. - online)
16 marzo 2023

Riconoscere e gestire i conflitti
nei gruppi e nelle organizzazioni

Prossima edizione: 
Primavera 2023


CICLI

La costruzione diffusa
della governance

Prossima edizione:
23.24 febbraio 2023
30.31 marzo 2023
4.5 maggio 2023
8.9 giugno 2023
6.7 luglio 2023
14.15 settembre 2023
19.20 ottobre 2023
30 novembre-1 dicembre 2023
18.19 gennaio 2024
22.23 febbraio 2024

Ciclo formatori

Prossima edizione:
23.24 marzo 2023
11.12 maggio 2023
15.16 giugno 2023
21.22 settembre 2023
26.27 ottobre 2023


OSSERVATORIO PERMANENTE
DI RICERCA E INTERVENTO
SULLA QUALITÀ DELLA
VITA DI LAVORO

Laboratorio di ricerca
e intervento sulla qualità
della vita di lavoro

Prossima edizione:  
Date da definirsi

Osservatorio di Ascolto

Prossima sessione: 
Data da definirsi

Incontri in Biblioteca:
dialogare con le idee

Prossima edizione: 
Data da definirsi